FUIS international
Federazione Unitaria Italiana Scrittori

Emanuela Celi

Eventi e collaborazioni di Emanuela Celi all'interno della Federazione Unitaria Italiana Scrittori

Biografia

EMANUELA CELIEmanuela Celi è nata a Roma nel 1973. Ha esordito in antologia ( La congiura dei poeti e  Il resto è poesia , entrambe del 2005) e rivista. Nel 2007 ha pubblicato la raccolta Segreti Serpenti, edita da Lietocolle, dalla quale sono tratti i testi qui pubblicati.Si tratta di una poesia coraggiosamente vergine, capace di portare il lettore in un atmosfera di sogno, fatta di castelli, re, principi, foreste, laghi, lune e notti piene di stelle, di fiori, dove paiono rendersi manifeste le forze del bene e del male. Tale epifania di forze oscure o chiarissime che reggono il mondo e che governano l inconscio è il terreno d indagine della poetessa: imparare a morire e dare la vita scrive la Emanuela Celi in Segreti serpenti, il testo che dà il titolo alla raccolta, diventa la presa di coscienza, il riappropriarsi del sé, tappa dolorosa ma fondamentale per uscire dall infanzia e farsi donna.Il linguaggio di questa poesia si veste di volute, di spirali, di immagini scintillanti e notturne; è un linguaggio capace di rielaborare e utilizzare in maniera diretta ed evidente un bagaglio di strumenti retorici propri della poesia lirica, in maniera tanto candida e onesta da garantire una sostanziale tenuta del testo quasi mai pesante o stucchevole.Una caratteristica esemplare di questa liricità è l uso di versi lunghi e lunghissimi, capaci di mantenere nel loro sviluppo una forte vocazione lirica, quando di solito al verso lungo viene associato un linguaggio basso e prosastico. Ne risulta una poesia che tende all arco della prosa e che ricorda certi processi compositivi propri della scrittura automatica, dell associazione libera di immagini e suoni. Nella Celi le immagini si affastellano le une sulle altre, fanno germinare significati, si arricciano in volute barocche, limitando le spezzature e gli enjambements attraverso un verso che rimane sempre lirico, senza cadute.Quali sono i padri di questa poetessa? È difficile dirlo. Paiono testi nati dal nulla, frutto di una mente che esce fresca dalle foreste dei primordi. Si avvertono echi dei simbolisti, in particolare Rimbaud e Apollinaire, ma anche la ricchezza di un poeta poco letto in Italia quanto importante come Lautremont. Il sogno e la dimensione onirica, che sono una costante di questa poesia, ricordano l esperienza surrealista che ha visto in questo stato alterato della coscienza un elemento di costruzione del fenomeno artistico e del linguaggio. In Segreti Serpenti compaiono mondi e dimensioni stranianti dove  l effige scolpita di un suono danza impermeata/ di mistero e dove  la musica disegna lo spartito e dove ci sono  galassie antropomorfiche ,  magici castelli muniti di ali ,  orologi baffuti , e  farfugli di sabbia . Il richiamo al Surrealismo e al sogno come elemento di costruzione di senso, ricorda come la poesia debba essere principalmente un atto di libertà sia individuale che collettiva: è proprio in tale liberazione, del corpo e dello spirito, che si deve trovare il senso ultimo di questa particolare raccolta. Emanuela Celi mette in mora i propri incubi e dà valore ai propri sogni. È questo prima di tutto un esempio di coraggio verso se stessi, nella consapevolezza di lasciare al lettore il bagliore di una luce, il dono del risveglio.

Attività svolte

Casting Poeti 2014 Evento
Articoli di interesse

Luigi Sardiello

GaËlle ObiÉgly

Valerio Mori

Sandra Petrignani

Wanda Marasco

Huang Lixuan

Antonio CalabrÒ

Paolo Giri