FUIS international
Federazione Unitaria Italiana Scrittori

IL NOBEL

12/10/2020

a una poetessa sconosciuta

nobel
Louise Glück, poetessa americana designata per il Premio Nobel della letteratura,
In Italia è poetessa nota a pochi intimi. Nonostante abbia pubblicato oltre una decina di raccolte di poesia e qualche saggio sulla poesia, abbia vinto molti premi tra cui il Pulitzer, è scarsamente tradotta in italiano e nulla si trova sugli scaffali delle librerie italiane (Amazon compreso).
Con qualche difficoltà si può trovare “Averno” raccolta tradotta da Massimo Bacigalupo per la Libreria Dante & Descartes, mentre il testo con cui ha vinto il Pulitzer nel 1993 L’iris selvatico, tradotta da Massimo Bacigalupo, non è rinvenibile
Se i giurati del Nobel dovessero rivolgere lo sguardo alla produzione degli autori italiani si potrebbero accorgere che la poesia della Glück è sicuramente interessante poiché  “indimenticabile voce poetica che con austera bellezza sa rendere universale l’esistenza individuale” (così dichiara la motivazione ufficiale), poiché è ben tradotta in svedese, e che i suoi testi sono sulla linea del “filo narrativo” dei pensierini di filosofia popolare.
I giurati del Nobel si sarebbero accorti che la produzione delle opere letterarie in lingua italiana (poco tradotte in svedese e in inglese) è di ben altro spessore. E per non rimanere sul generico potremmo suggerire (come abbiamo già fatto)  nomi di scrittori quali Claudio Magris, Dacia Maraini, Melania Mazzucco, Elio Pecora, Patrizia Valduga.
Il problema è che gli autori (gli editori)  italiani non investono in traduzioni, non in inglese e tantomeno in svedese, come si converrebbe a chi volesse ambire al Premio Nobel. 
Articoli di interesse

VANNI RINALDI CI HA LASCIATO

GLI SCRITTORI FUIS ALLA FIERA DI FRANCOFORTE

UFFICIO CHIUSO. SI RICEVE PER APPUNTAMENTO

FESTIVAL "ITALISSIMO" PARIGI

CREARE UN MONDO MIGLIORE POST-COVID

La FUIS in videoconferenza con International Authors Forum

Giornata Mondiale della Traduzione

FARNESINA BOOK FESTIVAL