FUIS international
Federazione Unitaria Italiana Scrittori FUIS

Residenza letteraria Penne in Irlanda 2018

29/03/2018

Residenza Letteraria Penne in Irlanda 2018: una settimana per scrivere nell'incantevole Centro Tyrone Guthrie di Annaghmakerrig, tra creatività e storia.

La Federazione Unitaria Italiana Scrittori - FUIS, associazione di categoria degli scrittori italiani, facendo  seguito al Protocollo di Intesa sottoscritto con l’Unione degli Scrittori Irlandesi (Irish Writers’ Union IWU), indice il bando per la prima edizione della Residenza Letteraria “Penne in Irlanda”, offrendo così ad uno scrittore italiano la possibilità di effettuare un soggiorno di scrittura di una settimana in Irlanda presso la residenza artistica internazionale “The Tyrone Guthrie Centre at Annaghmakerrig” nella contea di Mohagan, non distante da Dublino.
Penne in Irlanda - Residenza Letteraria 2018

William Tyrone GuthrieIl “Centro Tyrone Guthrie” fu fondato dal regista teatrale William Tyrone Guthrie, che lasciò in eredità delle proprietà allo Stato perché fossero usate a beneficio degli autori. Da allora il “Tyrone Guthrie Centre” è luogo di lavoro residenziale per artisti di tutte le discipline, dedicato a sostenere e facilitare la creatività in un ambiente accogliente e familiare, dove gli autori possono trovare pace e tranquillità per sviluppare il loro lavoro, insieme alla possibilità di vivere al fianco di altri scrittori.

 

Finalità

La FUIS per statuto è impegnata nella promozione dell’espressione letteraria e artistica anche attraverso esperienze di scambio e di gemellaggio con organizzazioni di scrittori di altri paesi. Il bando si propone di valorizzare i talenti letterari italiani che vogliano scrivere le loro opere in un contesto internazionale.
 

Offerta

Il periodo di residenza è compreso fra il 27 luglio 2018 e il 3 agosto 2018, così articolato: 
  1. arrivo a Dublino il 26 luglio e pernottamento;
  2. trasferimento ad Annaghmakerrig il giorno 27 luglio;
  3. residenza;
  4. trasferimento e pernottamento Dublino il giorno 3 agosto.
  5. Rientro in Italia il 4 agosto.
La Residenza è prevista presso il “Centro Tyrone Guthrie” di Annaghmakerrig, in Irlanda. Le spese di viaggio, di vitto (pensione completa) e di alloggio saranno a carico della FUIS.


Centro Tyrone Guthrie Irlanda
 

Impegni del candidato

Durante il periodo di residenza, lo scrittore italiano selezionato dovrà elaborare un testo letterario in lingua italiana redatto nella forma letteraria di preferenza (poesia, racconto, romanzo epistolare, diario di viaggio, saggio di letteratura di viaggio, etc…).
In tali lavori è gradito fare riferimento all’esperienza di soggiorno presso la struttura ospitante. Il testo dovrà essere consegnato alla FUIS entro un mese dalla conclusione della permanenza.
Il candidato dovrà impegnarsi altresì a partecipare alle attività artistico-culturali che si svolgeranno durante la settimana di permanenza presso la residenza ospitante.
Infine, il “Centro Tyrone Guthrie” richiederà la redazione di una relazione, in inglese, al termine della residenza, in cui lo scrittore italiano descriverà i risultati ottenuti e fornirà un feedback sulla sua permanenza presso il Centro.
 

Requisiti per la partecipazione

Il bando è rivolto agli scrittori italiani, senza limiti d’età, che abbiano una buona conoscenza della lingua inglese e che abbiano pubblicato almeno un’opera letteraria.

Le candidature devono pervenire entro il giorno 30 maggio 2018 all’indirizzo email irlanda@fuis.it e dovranno essere corredate di:
  • Curriculum Vitae, in versione italiana e in versione inglese
  • Bibliografia, in versione italiana e in versione inglese
  • Un breve testo (min. 3 cartelle), edito o inedito, a titolo esemplificativo della propria scrittura
  • Una lettera motivazionale
  • Scansione documento d’identità valido
 

Comunicazione risultati

I risultati saranno comunicati entro il giorno 1 luglio 2018.
 
Per informazioni e invio candidature scrivere a:
irlanda@fuis.it

 
 

Risultati

Come annunciato nella pagina dedicata, la borsa è stata assegnata alla dott.ssa Anna Maria Robustelli.
Lo scrittore irlandese che ha soggiornato in Italia è stato Eamon Lynskey.
Residenza letteraria Penne in Irlanda
Qui di seguito riportiamo la relazione redatta da Eamon Lynskey a seguito della borsa di residenza realizzatasi a Roma.
Ulteriori lavori poetici del prof. Lynskey saranno aggiunti di volta in volta nello spazio sottostante, dopo la relazione.

Report on the Irish Writers Union (IWU) Writer Exchange Project to Rome 2018, in association with the Federazione Unitaria Italiana Scrittori (FUIS) 2018
by Eamonn Lynskey
 
I was the recipient of a bursary, through competition, from the Irish Writers Union (IWU) for a one-week visit (9th to 17th September 2018) to Rome. The bursary covered my stay at the Hotel Diplomatic at half-board and a further €150 was also generously given.

The Hotel Diplomatic, in Via Colonna, is situated quite near all the major 'sights' of Rome, including the Vatican, and is well served by buses to the centre of the city. This central location allowed me to make a number of visits on foot or by bus to noteworthy and famous sites such as the Pantheon, Chiesa San Andrea Delle Valle, Piazza Novana, the Spanish Steps (to see the Keats-Shelley House) and other. A week-long bus ticket (€24) enabled me to go somewhat further, for example to the’ English’ Graveyard where I visited the graves of Keats and Shelley and the Italian political activist and writer Antonio Gramsci.
I was also able to take in places somewhat away from the usual tourist itineraries through the generosity of my counterpart in this year’s writers’ exchange project, Anna Maria Robustelli, who had previously been to Ireland some weeks earlier. Visits facilitated by Anna Maria included one to the Centrale Montemartini , a decommissioned hydro-electric station which, alongside its enormous machinery, now displays the statuary of ancient Rome. I have seen nothing like this before and the juxtaposition of the machinery and the statues allows one to see both in a new context and with a new appreciation. Neither had I ever been to the Churches of San Clemente or San Stefano Rotondo, both really well worth visiting, and I was indeed fortunate to have with me a knowledgeable person prepared to go to considerable lengths to ensure a well-rounded Rome visit. I take this opportunity to express my gratitude to her.

My visit was also facilitated by Sig. Simone di Conza of FUIS who liaised with Anna Maria to arrange an event at the FUIS centre, at my request, and at which I was able to read aloud some of my work in English and in Italian Translation. Again, Anna Maria was there to help matters by providing several more translations of my work and with which we then did a shared reading. The FUIS president Natale Antonio Rossi chaired our meeting and several Italian writers and a number of writers/translators from Anna Maria's translation working group attended and contributed to the discussions regarding my work and, generally, the Irish writing scene.
 
The meeting also addressed briefly the organisation of future exchanges and what was to be learned from this first one. Opinion was divided on the merits of providing a recipient with a rural, somewhat isolated, location such as the Tyrone Guthrie Centre, as opposed locating them in a city such as Rome. The one ensures an in-depth contact with several people over the course of a week (as Anna Maria's comprehensive report on her visit attests) and a space of time to develop work on hand, while the other has the advantage of an exposure to a major city and its literary culture, and meeting with current writers.
 
Another point that got some discussion was the timing of a visit to Rome and how it might probably be better should it take place at the beginning-to-middle of October. The summer months, including September, see a diminution in literary events as many people leave the city for quieter and less humid locations. Hence the reason why our FUIS meeting had to be arranged at short notice by Simone. It would probably be preferable that such events be programmed into the exchange beforehand.
 
I explained my own view that meetings and readings should be part of a visit, in order that it be an ‘interactive’ experience, although I am aware that there is the other conception of an exchange whereby writers be given an opportunity to reflect on their work in a quiet place without too much distraction. (I must not give the impression that our meeting was an overly serious, dour affair. It was a convivial occasion, followed by light refreshments and lots of informal talk.)
 
My visit to Rome was a rewarding experience for me and provided several new ideas for my writing, as well as reviving several older ones which I can now look at afresh. Inevitably, writing is a solitary activity and it helps greatly to be in touch with other writer, in my case especially with Italian writers, given my great interest in the literature and music of Italy. I have no doubt but that my contact with Anna Maria and others will continue and once again I wish to express my gratitude her and to the WUI and FUIS for a fruitful and very enjoyable week in Rome.

29 Sept 2018

Qui di seguito il testo di uno dei lavori realizzati da Eamon Lynskey a seguito della Residenza. Il testo è accompagnato dalla traduzione in italiano realizzata dall'Autore stesso con l'assistenza della dott.ssa Anna Maria Robustelli
 
The murals in the Church of Saint Stefano Rotondo, Rome
 
This poor wretch we break with stones,
this woman we dismember live,
this one we stretch until his bones
crack open. Crowds have gathered, gape
at trees we’ve hung with chopped-up torsos,
lopped-off limbs.  No pleas, no groans
 
deter us, no imploring cries –
we’re limited as to instruments,
employ the means we have, devise
whatever tools we can. We’re skilled
in fire and water but the future
lies in methods more refined.
 
Despite our arrows, here’s a one
still prays and gazes skyward. But
it’s Jupiter and only Him
we’re told to worship now. For now.
We have our orders: ours a trade
must heed today’s doctrinal whim,
 
but future days may dawn the hour
these followers of the holy fish
are fated to come into power.
It’s then the rack will creak afresh
and bodies bleed. It’s then the cries
that rise to heaven will be ours. 

Eamonn Lynskey
I dipinti murali nella Chiesa
di Santo Stefano Rotondo, a  Roma
 
Questo poveretto lo frantumiamo
con le pietre, questa donna la smembriamo
viva, questo lo allunghiamo
finché le ossa non si spezzano.
Folle con occhi spalancati guardono
i torsi e gli arti appesi agli alberi.
 
Nessun grido o lamento ci scoraggia –
i nostri strumenti sono limitati,
usiamo tutto ciò che abbiamo,
proviamo a concepire nuovi mezzi.
Siamo abili con il fuoco e con l’acqua –
più raffinati i metodi del futuro.
 
Nonostante le nostre frecce, ecco
uno che prega ancora e guarda al cielo.
Ma è Giove, solo Lui, si adora –
per ora. Abbiamo i nostri ordini:
il nostro mestiere si deve prestare
al capriccio dottrinale del momento,
 
ma un giorno nel futuro potrebbe vedere
i seguaci del pesce santo destinati
a venire al potere. È allora che
scricchiolerà di nuovo il cavalletto
e i corpi sanguineranno. È allora che
le grida verso il cielo saranno nostre.

Tradotto dell’autore, assistito da Anna Maria Robustelli

 
Argomenti di interesse
Attività Concorsi per scrittori
Sezioni correlate


Articoli di interesse
EVENTO
20/03/2019

Giornata mondiale della Poesia 2019: la FUIS alla Biblioteca della Camera dei ...

La Federazione Unitaria Italiana Scrittori a Parigi per la Fiera del Libro

EVENTO
31/05/2019

Bando del Premio di Poesia Religiosa 2019 (seconda edizione)

EVENTO
15/04/2019

Residenza letteraria Penne in Irlanda 2019

EVENTO
10/04/2019

Presentazione de "Il Preside che camminava sui rami di pino e I Racconti della ...

Bruxelles, 13 febbraio 2019. Trovato l’accordo sulla riforma del Diritto ...

Presentazione corsi di Scrittura "Punto e a capo"

Alta partecipazione agli Stati Generali dell’Autore FUIS